Cycling tours · Monferrato

Acqui, Saturnia e la scoperta dell’acqua calda

Ho scoperto le terme in Cile, metà degli anni 90. Mi trovavo di base a
San Pedro, nel deserto dell’Atacama. “Andiamo a farci un bagno caldo a 4
mila metri?”, mi chiese un giorno l’amico Agustin. Dopo un paio d’ore
di macchina eravamo a 3475 metri, a lato della strada, sulla sinistra,
un rivolo d’acqua scendeva con cascatelle tra le rocce arse dal sole: le
terme di Puritama, nome indiano che significa “acqua calda”. Questo
sito è stato usato per scopi medicinali dagli atacameños fin
dall’antichità. L’acqua esce a 33,5 gradi celsius, ricca di  solfati,
magnesio, sodio, potassio, litio, calcio e boro. Gli anni del ciclismo e
tutta l’acqua presa mi avevano lasciato una fastidiosa sinusite, e una
narice perennemente chiusa. Agustin sorrideva ed io, solo per curiosità,
mi sedetti sotto una cascatella, lasciando che l’acqua caldissima mi
scorresse addosso, picchiandomi su testa e collo. “Plop”, ho sentito
dopo qualche minuto: la narice si era miracolosamente aperta.

Da quel giorno non ho più abbandonato le terme. Opportunità che non
poteva certo mancare nel pacchetto di Bike Comedy: a pochi chilometri da
Lu c’è Acqui Terme, la Bollente; e la base staccata in Maremma si trova
a poche centinaia di metri dalle Terme di Saturnia. Sapeste com’è bello
scoprire l’acqua calda…

Per informazioni: info@bikecomedy.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...